Circuiti di traffico VFR

Per circuito VFR standard si intende un circuito effettuato a con virate a sinistra (sinistro) ad una altezza di 1000 piedi (altezza non quota!). Chiaramente un aeroporto ha due circuiti sinistri, uno per pista come raffigurato nell’immagine. Il tratto contrario al senso della pista di atterraggio viene chiamato sottovento (downwind). Questo perché solitamente si percorre con il vento in coda essendo sicuramente conveniente atterrare sulla pista sopravvento. 

Terminato il sottovento si inizia la discesa e si inizia la virata di 90° che ci permetterà di allinearci con il senso della pista su cui vogliamo atterrare. Questo tratto viene definito base. Una volta allineati con la pista inizieremo la virata finale di altri 90° quindi ci presenteremo per il finale. 

Considerando invece il decollo oppure una possibile riattaccata, ci troveremo a percorrere anche il tratto perpendicolare alla pista dopo il suo termine ovvero la controbase (crosswind) per poi immetterci nel tratto sottovento. 

Lo schema riportato nella figura precedente è molto importante ed è bene averlo bene in mente in quanto, molto spesso, quando ci troviamo a metterlo in pratica, siamo in una fase abbastanza delicata è non abbiamo molto tempo per riflettere. Vediamo ora cosa succederebbe se, nell’esempio precedente, fosse l’aereo proveniente da destra a dover atterrare sulla pista. In questo caso si dovrebbero aggiungere due nuovi segmenti al nostro circuito ovvero il sopravvento (upwind) e l’attraversamento.

 

In pratica l’aereo percorre in tratto parallelo alla pista di atterraggio (sopravvento sinistro – sinistro perché stiamo parlando di un circuito con virate a sin.) generalmente fino alla testata della pista, quindi compie l’attraversamento inserendosi, sempre con virata di 90°, nella controbase ( Crosswind ), e poi si va ad inserire nel circuito standard già visto precedentemente.

Questo è un circuito VFR standard. Ovviamente dobbiamo consultare le carte per vedere che non ci siano eccezioni a quanto riportato ed anche il controllore (quando presente) ci saprà dare indicazioni in proposito.

Ad esempio sulla pista di Genova Sestri, per gli ostacoli presenti a nord della pista, entrambi i circuiti vengono eseguiti lato mare. Questo comporta che la pista 29 ha un circuito standard (sinistro) mentre la pista 11 ha un circuito non standard (destro).

Lascia un commento